Home page del comune di Balsorano
Home Notizie Ricerca URP Privacy Note legali Meteo Contatti
 
L'amministrazione
    Il sindaco
    La giunta
    Il consiglio
    Segretario generale
    Statuto e Regolamenti
    Nuove linee programmatiche
    Protocollo
    Servizi demografici
    Ufficio Tecnico
    Urbanistica
    Polizia Municipale
    Ragioneria
    Tributi
Il comune informa
    Albo Pretorio
    Albo Pretorio CUC
    Albo Servizi Demografici
    Albo Pretorio Storico
    Avvisi
    Incarichi di consulenza e collaborazione
    Monitoraggio della contrattazione integrativa
    Rassegna stampa
    Documenti
    Progetto_Prusst
    Servizio Idrico CAM spa
    Autocertificazioni
    Calcola il codice fiscale
Amministrazione trasparente
    Disposizioni generali
    Organizzazione
    Consulenti e collaboratori
    Personale
    Bandi di concorso
    Performance
    Enti controllati
    attivitą e procedimenti
    Provvedimenti
    Controlli sulle imprese
    Bandi di gara e contratti
    Sovvenzioni, contributi, sussidi, vantaggi economici
    Bilanci
    Beni immobili e gestione patrimonio
    Controlli e rilievi sull'amministrazione
    Servizi erogati
    Pagamenti dell'amministrazione
    Opere pubbliche
    Pianificazione e governo del territorio
    Informazioni ambientali
    Strutture sanitarie private accreditate
    Interventi straordinari e di emergenza
    Altri contenuti
La cittą
    La Storia
    Storie e Personaggi
    Album fotografico
    Le Frazioni
    :: Castello Piccolomini
    Feste e sagre
    Sport e natura
    Mappa dei servizi

Comune di Balsorano


Piazza T. Baldassarre, 13
67052 Balsorano (AQ)
Tel. 0863 - 950343
P.Iva: 00211900667

email
info@comune.balsorano.aq.it

P.E.C.
info@pec.comune.balsorano.aq.it


Castello Piccolomini

                              PER LA GALLERIA FOTOGRAFICA CLICCA SULLE FOTO!  

Il Castello di Balsorano,  
      
che si trova sulla sinistra del fiume Liri, è situato ad un’altezza di 430 metri sul livello del mare, è uno dei pochi scampato alla furia dei barbari. Meta di turisti italiani e stranieri già da epoca antica, ricorda tra i visitatori illustri, anche Alessandro Dumas figlio, che rimase particolarmente colpito dalle bellezze di questa fortezza.

Il Castello di Balsorano, come quasi tutti gli altri castelli medievali, ha origini oscure ed una storia lugubre che pare legenda.

Un vassallo della corona di Napoli ne fu il primo proprietario e feudatario delle terre circostanti fino a quando, intorno al 1465, la contea di Celano fu assegnata dal Pontefice Papa Pio II Piccolomini  per l’aiuto e i contributi  dati  da suo nipote Antonio al  re di Napoli Ferdinando I d’Aragona.
Antonio costruì il castello su preesistenti antiche fondamenta, a lui si deve gran parte del suo valore artistico e della sua conservazione, gli successero altri quattro conti con il nome di Alfonso appartenenti alla stessa famiglia e dopo il terzo e il quarto Alfonso, fu conte di Celano e barone di Balsorano Innico Piccolomini la cui unica figlia ed erede Costanza sposò in seconde nozze (le prime con Alessandro di  Deliceto) con apostolica dispensa, Alfonso V Piccolomini, suo cugino. Nel 1572 Costanza Piccolomini vendette per salvarsi dai debiti, il feudo di Balsorano  a suo zio Giovanni Carlo Silverio Piccolomini (fratello del padre Innico).
Intorno al 1700 la famiglia dei baroni Piccolomini si estinse e la baronia di Balsorano passò sotto il dominio del barone Testa, nobile romano i cui discendenti si apparentarono nuovamente con i Piccolomini fino a quando, nel 1850, il castello e le terre furono vendute al possidente francese Carlo Lefebvre, fondatore dell’industria meccanica della carta nella Valle del Liri, il quale per aver promosso le industrie del Liri, nel 1854 fu nominato conte da Fernando II di Borbone.

Il Castello e le terre circostanti, dopo la morte di Carlo Lefebvre passarono al figlio Ernesto e poi ad Illan, figlio dei defunti coniugi Flavia Lefebrve e don Pedro Alvarez de Toledo de Casafuerte, che spese rilevanti somme per abbellire il Castello di Balsorano che subì però gravissimi danni a seguito del terremoto del 1915, anche il Governo nazionale, geloso custode dei monumenti storici fu largo di aiuti e contribuì alle spese delle riparazioni e dei restauri.

Quando la moglie di Illan,Yvonne Giraud famosa violoncellista decise di trasferirsi a Parigi, il Castello e le terre, ormai solo quelle circoscritte al territorio di Balsorano, vennero acquistate dal comm. ing. Ettore Zannelli, nato in Abruzzo e residente a Terracina unitamente al genero cav. Avv. Giovanni Fiastri, patrizio emiliano residente a Roma.

Il Castello di Balsorano ha una pianta pentagonale irregolare ed ogni angolo è munito di un poderoso torrione circolare.
La struttura del castello è di un rettangolo irrazionale. Esso poggia sul monte Cornacchia e si trova sullo sperone roccioso che si affaccia sulla Valle Roveto. Verso la facciata il rettangolo ha un breve lato, mentre i due laterali e quello di dietro mostrano l’aspetto trapezoidale. I lati sono divisi alla base da imponenti bastioni, e poi da un cornicione marcapiano. Le finestre del primo settore sono bifore, mentre le altre monofore. La copertura del tetto è in tegole classiche evoluzione centro originalmente vi era un torrione imponente di vedetta. 
Le torri sono poste agli angoli del castello, ma avendo questo una struttura tripartita dalla parte che volge verso Balsorano, le torri sono cinque. Prima del terremoto del 1915 erano sei.
Le torri sono circolari e slanciate, possedendo finestre doppie su ciascuna e terminano a beccatelli. Sulla parte del castello che è a strapiombo ci sono le torri della facciata (due) ed un’altra che di collega con il lato sinistro (la torre non è visibile da Balsorano).
L’entrata è costituita da una cinta muraria in parte restaurata che avvolgeva il castello. Si accede da un arco e si giunge al castello vero e proprio: il portale è semplice e sopra vi è una finestra con loggia per i discorsi.
Il giardino è legato a un portico interno che contiene la piazzetta per il pozzo. Sono presenti arcate classiche con stucchi e finestre bifore gotiche.
La cinta muraria serviva da protezione ma oggi è stata attrezzata per passeggiate e come belvedere
L’interno mantiene l’aspetto gotico e rinascimentale originale. Le sale più piccole sono adibite a camere d’albergo mentre la sala centrale è per le cerimonie.
 
 
Castello di Balsorano in uno scatto all’alba
Particolarmente interessante è quest’ultima che è ricca degli arazzi cinquecenteschi e degli affreschi con dipinti gli stemmi e i blasoni dei vari proprietari della famiglia Piccolomini. Altri arazzi della sala mostrano figure geometriche tipiche del gotico, come pinnacoli e guglie.
Una seconda grande sala è arricchita da un caminetto di pietra con i lati affrescati di giallo, ai quali sono appese armi da guerra originali.
La cappella dei Piccolomini è a navata unica ed è in stile quattrocento. Gli affreschi mostrano figure geometriche di rombi e croci di Cristo, con sfumature dal blu lapislazzuli al giallo ocra. L’abside con altare è inquadrata da tre finestre ad arco a tutto sesto (la centrale è murata: le decorazioni di contorno mostrano raggi solari e lingue di fuoco che avvolgono rose dorate dorate. Nella finestra di centro invece è raffigurata la sacra scritta IHS.

La torre più alta è quella quadrata con mensole in pietra ed arcatelle in laterizio mentre le altre torri circolari hanno la stessa altezza del muro di cortina. Un toro in pietra segna la fine della rastremazione di ciascuna torre.

Piccolissime bifore, semplici finestre, soggette pensili sono dislocate un po’ ovunque.

Notevole è la somiglianza fra questi elementi architettonici e quelli conservati sulle facciate del Castello di Celano; del resto il sistema tecnico adoperato dalle maestranze di Celano si incontra in tutti i castelli Piccolomini che hanno una nota inconfondibile rappresentata dall’elemento decorativo, di quella parte ornamentale che ciascun castello possiede per rendere il suo aspetto meno severo.

Al suo interno da sottolineare l’importanza della camera da letto che, nel trecento aveva pochi mobili in gotico puro e nel secolo XV si arricchì di un arredamento lussuoso. Da ammirare la coperta in seta che riproduce lo stemma dei Piccolomini - Todeschini-D’Aragona con una croce, cinque mezzelune e dei pali con gigli, segni di cavalleria di parte guelfa. Le pareti della camera furono rivestite di seta, il letto baronale in legno è sormontato da un baldacchino sostenuto da quattro colonnine.

 

 

Albo Pretorio Bandi e Concorsi Auto Certificazione Rassegna Stampa Mappa dei Servizi
Albo Pretorio
20/08/2016
Regolarizzazione rapporto locativo a sanatoria di alloggio di edilizia residenziale pubblica.
20/08/2016
Acquisto stampati Ufficio Servizi demografici e Polizia Locale - Assunzione impegno di spesa
20/08/2016
Acquisto materiale di consumo Ufficio Servizi demografici - Assunzione impegno di spesa
20/08/2016
Art. 66 legge 23.12.1998, n° 448 - Concessione Assegno di maternitą.
20/08/2016
Art. 65 legge 23.12.1998, n° 448 - Concessione Assegno ai nuclei familiari con almeno tre figli minori.
20/08/2016
ATTIVITA RICREATIVE CULTURALI ESTATE 2016 - FORNITURA MANIFESTI E LOCANDINE

  Servizi utili
    Associazioni
     Dove Mangiare
     Dove Dormire
     Da vedere
     Itinerari
     Divertimento
     Informazioni utili
     I Negozi del Comune

Link
Regione Abruzzo Provincia L?Aquila
Comunitą Montana Valle Roveto
Sponsor
Sponsor
Calcolo IMU - TASI
IMU 2014

IMU - TASI 2014

TASI 2014
Fatturazione PA
Dati Fatturazione Elettronica
S.I.T.
Sistema Informativo Territoriale SIT
SUAP
SUAP
Percorsi Virtuali
Percorso Virtuale convento s. francesco Balsorano
Bussola della trasparenza
Assunzioni in Abruzzo
Cambio Residenza in Tempo Reale



  Comune di Balsorano Piazza T. Baldassarre, 13 - 67052 Balsorano (AQ) - Tel. 0863-951215 - P.Iva: 00211900667
email: info@comune.balsorano.aq.it - P.E.C. info@pec.comune.balsorano.aq.it
Powered by ICT Global Service srl
Sei il visitatore n.: 646518